Archivio mensile dicembre 2017

Diadmin

La Dieta di Natale

Questo articolo non lo volevo scrivere, non mi volevo avventurare in un discorso sull’ alimentazione a poche giorni dal Natale… il Natale… giorno che sul calendario coincide con il 25 dicembre, nascita di Gesù ma che per il popolo della dieta coincide con il periodo che va dal 20 di novembre a fine gennaio o comunque ad avanzi finiti.
Poi la mia amica Paola mi ha inviato un post di quelli che girano su internet e mi ha detto, scrivici questo! Sul post c’era scritto NON CI SI INGRASSA TRA NATALE E CAPODANNO MA TRA CAPODANNO E NATALE.
Mi ha convinta, e allora alcune considerazioni le scrivo prima di mettermi a fare i tozzetti con mia madre e le mie zie (ma questa è un’altra storia)…
Ho considerato prima di tutto che in fondo il 25 dicembre è una data stabilita per convenzione, anche su Wikipedia c’è scritto che il giorno della nascita di Gesù non è indicato né nei Vangeli né in altri scritti quindi in fondo, come diceva Pozzetto in una pubblicità, il Natale quando arriva arriva e uno può pure iniziare a festeggiare il 20 novembre…
Sarà per questo che è come se ci sentissimo autorizzati a mangiare, x tradizione, perché è nato Gesù, per far muovere l’economia dei panettoni, per accontentare chi ci ha invitati a pranzo, per compagnia, per gola, perché è Natale!
Il consiglio della nutrizionista qual’è? Fate bene ….il giorno di Natale… punto!
Fate bene perché mangiare non è solo nutrizione ma un piacere, condividere, gustare, imparare, tramandare. I maccheroni di Natale sono i ricordi delle nonne, le sfide tra le consuocere, tutte le portate del pranzo sono un modo per costringerci a stare seduti, con calma, in famiglia, per parlare con parenti che non vediamo mai o con quelli che vediamo sempre ma a cui non parliamo mai.
Siccome io sono una nutrizionista buona secondo me fate bene anche se mangiate il giorno prima di Natale e quello dopo e ci metto anche la sera del 31! Il 6 gennaio solo se avete figli (per risparmiargli il diabete dato dalla calza della befana).
Nelle giornate rosse sul calendario tutto è concesso, soprattutto è concessa la libertà di non pensare alla dieta. Negli altri giorni? Mangiamo normalmente altrimenti riuscirete ad ingrassare tra Natale e Capodanno più di quanto non possiate fare negli altri 11 mesi.
È possibile? Si lo è.
La sera della vigilia però mangiamo pesce che non ingrassa…
• Cocktail di gamberi 187 Kcal per porzione, 16 % di grassi, è un buon inizio.
• 80 grammi di pasta con le vongole, 408 Kcal, 10 grammi di grassi.
• Una porzione di lasagna classica al ragù, circa 7 cm x 10, (non fatela spessa, se no non vale) 336 kcal, solo 12 % di grassi, non è così basso da poter fare il bis
• Un tozzetto, ho calcolato le calorie di quelli fatti in casa secondo la ricetta di Rosella, amica di famiglia, magrissima nonostante i tozzetti. Peso di un tozzetto 30 grammi, 150 kcal date al 50% dai grassi, grassi quasi tutti saturi (ci vuole lo strutto nei tozzetti, non si scherza!).
• Un pezzetto di torrone come dice il sermone non lo mangiamo? Se scegliate Zanzibar siamo sulle 466 Kcal date anche in questo caso quasi per la metà dai grassi
• Neanche un brindisi? Un calice di prosecco ha circa 69 kcal ma 0 grassi… quindi vai con il bis!

Se questi eccessi sono vissuti in tre o quattro giorni li smaltiamo facilmente e ce li godiamo di più, se per un mese finiamo il pasto con un pezzetto di panettone e un cicchettino a gennaio sono dolori e per la prova costume saremo pronti ad ottobre ma sarà troppo tardi.
Un bambino di 10 anni martedì scorso dopo che si era sorbito tutto questo mio discorso in silenzio mi ha detto: “e se coloro di rosso pure gli altri giorni??”
Se non avete 10 anni non lo fate, fate i bravi, fate i magri.
Buone feste a tutti

Silvia Giommoni